“IL TAGLIO FREDDO DELLA LUNA”, VENERDI PRESENTAZIONE ALLA FELTRINELLI DI SALERNO

Il nuovo romanzo di Piera Carlomagno sarà presentato per la prima volta lo stesso giorno dell’uscita, venerdì 30 settembre, alle 18, presso la libreria Feltrinelli di corso Vittorio Emanuele a Salerno. “Il taglio freddo della luna”, edito da Solferino, è il terzo romanzo della serie che ha come protagonista l’anatomopatologa lucana Viola Guarino. Questa volta, le indagini, al fianco del sostituto procuratore della Repubblica di Matera Loris Ferrara e del vice questore Augusto De Salvo, la porteranno sulla costa ionica della Basilicata, tra Policoro, Metaponto e la bianca Bernalda. Dialogherà con l’autrice, Angelo Cennamo Blogger letterario di Telegraph Avenue. Gli ultimi istanti di quiete, l’ultimo lampo di spensieratezza: è l’inizio del pranzo di fine estate che Marina Pietrofesa Cortese, matriarca ottantenne, ha imbandito per la famiglia, in uno degli eleganti lidi della costa ionica lucana. Certo è strano che Wlady, nipote prediletto di Marina, non sia arrivato, ma la sua assenza è solo un’increspatura nell’atmosfera dorata che avvolge quella famiglia di antichi latifondisti. Ben diversa la giornata di Viola Guarino, chiamata ad analizzare una scena del crimine che sembra una quinta teatrale: il professor Vittorio Ambroselli ucciso come Marat nella vasca da bagno della sua casa ricca di opere d’arte. Uno come Ambroselli, riflettono gli inquirenti, tra cui l’affascinante sostituto procuratore Loris Ferrara, poteva avere molti nemici: era il fisico della Fossa Irreversibile in cui, a pochi chilometri da lì, negli anni Cinquanta, erano state nascoste le scorie nucleari americane. E quando viene a galla la relazione di sua figlia diciassettenne, Ginevra, con il giovane Wlady – la cui assenza comincia ad assumere i contorni di una scomparsa – i due casi appaiono inequivocabilmente collegati. La soluzione si trova solo nel presente o in un passato che, come le scorie nucleari, è sepolto nelle profondità della colpa? L’ultima estate dell’innocenza: un evento, un’esperienza, un topos che per i protagonisti di questa storia torna e si ripete come una maledizione. Piera Carlomagno tesse in questo nuovo noir una magistrale trama di ombre in cui stavolta anche l’indomita Viola Guarino, anatomopatologa e un po’ strega, faticherà a non restare invischiata.