DIDATTICA A DISTANZA, 1000 EURO ANCHE PER GLI ALUNNI CAMPANI

DIDATTICA A DISTANZA, 1000 EURO ANCHE PER GLI ALUNNI CAMPANI

6 Gennaio 2021 Off Di Salvatore Walter Pompa

Bambini in seconda e terza media? Didattica a distanza? C’è il bonus di mille euro. In attesa della riapertura delle scuole attenzione da concentrare sui bonus previsti per le famiglie con bambini impegnati nella didattica a distanza. Tra gli aiuti che il Governo ha previsto in favore delle famiglie sta trovando attuazione il bonus per servizi di baby-sitting del valore massimo di mille euro attivo per le regioni situate nelle zone rosse. Il bonus, previsto dall’articolo 14 del Ristori bis è riconosciuto ai soli iscritti alla Gestione separata e alle Gestioni delle assicurazioni obbligatorie speciali degli artigiani, degli esercenti attività commerciali e dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni, subordinatamente alla chiusura delle scuole secondarie di primo grado. Il bonus non può essere utilizzato per remunerare le prestazioni rese dai familiari. Nelle zone rosse rientrano le seguenti regioni: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Campania e Toscana e Abruzzo. Per avere diritto ai bonus per servizi di baby-sitting: il genitore richiedente e convivente con il minore deve essere residente in una delle aree incluse nella zona rossa; il minore deve frequentare una scuola situata all’interno delle medesime zone. Il bonus può essere erogato solo per la chiusura – nelle zone rosse – delle scuole secondarie di primo grado, in particolare si tratta delle classi seconda e terza media le cui attività didattiche si svolgono esclusivamente in modalità a distanza  Discorso a parte va fatto per le famiglie di minori disabili che potranno chiedere i bonus per servizi di baby-sitting di cui al Ristoris bis in caso di frequenza da parte del figlio disabile di scuole di ogni ordine e grado, per le quali sia stata disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza ovvero che siano ospitati in centri diurni a carattere assistenziale, per i quali sia stata disposta la chiusura. Per i bonus per servizi di baby-sitting di cui al Ristori bis si ha diritto ad un importo complessivo massimo di 1.000 euro che potrà essere cumulato con i bonus già eventualmente fruiti ai sensi dei decreti Cura Italia e Rilancio. Anche il bonus per servizi di baby-sitting del decreto Ristori bis viene erogato mediante il Libretto Famiglia. Il genitore beneficiario e il prestatore devono registrarsi sulla piattaforma delle prestazioni occasionali, accessibile sul sito www.inps.it. L’utilizzatore, all’atto dell’inserimento della prestazione, deve selezionare l’opzione “Bonus baby-sitting Covid 19_dl 149/2020” per il pagamento della prestazione. Inoltre, una volta effettuata l’appropriazione del bonus, è tenuto a rendicontare le prestazioni.  Possono essere remunerate tramite il Libretto Famiglia le prestazioni lavorative di baby-sitting svolte in linea generale a decorrere dal 9 novembre 2020 e sino al 3 dicembre 2020.