CAMPANIA – CISL FP IRPINIASANNIO: “SICUREZZA, BASTA MORTI SUL LAVORO”

CAMPANIA – CISL FP IRPINIASANNIO: “SICUREZZA, BASTA MORTI SUL LAVORO”

21 Maggio 2021 Off Di Mimmo Ascolese

Morire sui posti di lavoro è inconcepibile soprattutto quando si muore per mancanza di sicurezza – osserva il Segretario Generale CISL FP IrpiniaSannio Antonio Santacroce. Le tante vittime che quotidianamente insanguinano i luoghi di lavoro hanno acceso i riflettori dell’opinione pubblica su un’emergenza nazionale che ogni anno provoca una vera strage silenziosa, indegna di un Paese civile. Come parti sociali abbiamo condiviso a livello nazionale protocolli nel rispetto del Dlgs n. 81/08 dove sono stati individuati i controllori e i controllati. Abbiamo preteso che i Documenti di Valutazione dei Rischi negli enti ed aziende fossero aggiornati – Ma non basta – afferma il Segretario Provinciale CISL FP IrpiniaSannio Mario Calabrese – servono più controlli e più ispettori, un coordinamento degli enti, migliore formazione, prevenzione e cultura della sicurezza. Nel quadro delle iniziative di mobilitazione di Cgil, Cisl, Uil nazionali sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro la CISL FP IrpiniaSannio, con i suoi dirigenti sindacali, ha deciso oggi di presenziare davanti all’Azienda Ospedaliera Moscati di Avellino ed al Palazzo di Governo di Benevento. La scelta, in particolare, dell’A.O. Moscati è caduta non a caso. Un’importante struttura, nuova, moderna, dove i lavoratori, se non sono messi in sicurezza, non possono prestare e garantire il loro servizio spesso essenziale e vitale per l’utenza, i cittadini – dichiara Silvestro Iandolo Segretario Aziendale A.O. Moscati. Parliamo di tutto il personale impegnato per l’emergenza COVID, nelle sale operatorie, 118 e uffici amministrativi nelle Aziende Sanitarie di Avellino e Benevento. Se non c’è sicurezza non c’è né salute, né sviluppo. La sicurezza sui luoghi di lavoro è un investimento non un costo e si garantisce attraverso il ricorso a tutte quelle iniziative che riguardano la qualità dell’attività lavorativa. Errato pensare che implementare il sistema qualità in ogni luogo di lavoro implichi una riduzione della quantità delle prestazioni da erogare, basta solo equilibrare e bilanciare bene e adeguatamente le risorse. Proprio in termini di risorse occorre per la sanità investire maggiormente nel personale oltre che, come è giusto che anche sia, in ammodernamenti strumentali e strutturali, poiché al centro del sistema vi è la persona – asserisce il Dirigente Sindacale Mario Walter Musto – Non bisogna abbassare la guardia! Continueremo a vigilare in tutte le strutture pubbliche e a denunciare tutte le irregolarità in materia di sicurezza sperando che queste denunce non cadano nel vuoto Occorre dare il legittimo valore e l’imprescindibile salvaguardia della persona che lavora – conclude Santacroce.