CALCIO – SALERNITANA-SASSUOLO: I CONVOCATI DI NICOLA

Al termine della seduta di rifinitura il mister Davide Nicola ha diramato la lista dei convocati per la gara in programma sabato tra Salernitana e Sassuolo.

PORTIERI: Belec, Fiorillo, Sepe;

DIFENSORI: Fazio, Dragusin, Gagliolo, Gyomber, Ranieri, Ruggeri, Veseli;

CENTROCAMPISTI: Bohinen, Coulibaly L., Coulibaly M., Di Tacchio, Ederson, Kastanos, Obi, Radovanovic, Zortea;

ATTACCANTI: Bonazzoli, Djuric, Mikael, Mousset, Perotti, Verdi.

“Sarà una partita che offrirà un’opportunità importante per fare un passo in avanti verso il nostro obiettivo. Il Sassuolo ha un’organizzazione di gioco ormai consolidata, grande qualità e quest’anno sta dimostrando maggiore verticalità. In settimana abbiamo provato diverse soluzioni, adesso farò le valutazioni finali per scegliere gli uomini migliori da mettere in campo. Voglio vedere una Salernitana che dimostra di avere coraggio, identità e organizzazione di gioco con sempre maggiore convinzione. Dobbiamo mettere in campo fame e desiderio di raggiungere il successo”. Queste le parole del tecnico Davide Nicola intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Salernitana-Sassuolo. “Servirà anche praticità perché abbiamo bisogno di raccogliere punti. La squadra deve agire su stessa, valutando i punti di forza e curando i difetti” ha proseguito il tecnico granata. “Dobbiamo essere più coesi in alcune letture e riconoscere i momenti della gara. Vogliamo esprimere noi stessi nel miglior modo possibile e per farlo dobbiamo credere in ciò che facciamo. Bisogna sentirsi capaci di produrre gioco per poter migliorare. Ci deve essere una fame assoluta di provare a cambiare la nostra condizione. Il senso di appartenenza al gusto di questa rincorsa deve appartenere ad ogni singolo calciatore perché da qui alla fine servirà l’apporto di tutti. ” Nicola ha quindi concluso: “Occorrerà una prestazione entusiasmante per vincere la partita. Credo ciecamente che il nostro lavoro ci possa portare ad avere un’identità e quindi essere competitivi, che deve essere il nostro mantra da qui alla fine. Abbiamo il dovere di inseguire i nostri sogni e quelli della nostra gente. Dobbiamo perseguire questo sogno fino alla fine nonostante le difficoltà. Il nostro stadio ha un impatto maggiore, anche grazie al supporto della nostra gente che per noi rappresenta un’arma importante, ma non dobbiamo avere due atteggiamenti diversi tra le gare casalinghe e quelle in trasferta perché ogni partita sarà importante”.