CALCIO – SALERNITANA-EMPOLI: I CONVOCATI DI COLANTUONO

CALCIO – SALERNITANA-EMPOLI: I CONVOCATI DI COLANTUONO

22 Ottobre 2021 Off Di Mimmo Ascolese

Al termine della seduta di rifinitura di questa mattina il mister Stefano Colantuono ha diramato la lista dei convocati per la gara in programma domani tra Salernitana e Empoli.

PORTIERI: Belec, Fiorillo, Russo.

DIFENSORI: Aya, Delli Carri, Gagliolo, Jaroszynski, Ranieri, Strandberg;

CENTROCAMPISTI: Di Tacchio, Kastanos, Kechrida, Obi, Schiavone, Zortea;

ATTACCANTI: Bonazzoli, Djuric, Gondo, Ribery, Simy, Vergani.

“Tornare a Salerno è stata una scelta molto facile, è una piazza alla quale mi sento molto legato e in cui mi sono trovato molto bene. Amo la città e l’ambiente, torno con grande entusiasmo e sono molto carico. Voglio salutare con grande affetto e stima mister Castori con cui ho un rapporto di amicizia da tanti anni e che ha lasciato una traccia indelebile nella storia della Salernitana”. Queste le parole del tecnico granata Stefano Colantuono intervenuto in conferenza stampa presso la sede di “Caffè Motta” alla vigilia di Salernitana-Empoli. “La squadra è dispiaciuta per il momento e la situazione. Quando si cambia allenatore è una sconfitta di tutti ma il calcio purtroppo è questo. Personalmente mi auguro di poter lasciare una traccia importante nella storia di Salerno, cercando di raggiungere un obiettivo importante. Sarà un lavoro di grande sofferenza ma con l’aiuto di tutti sono convinto che possiamo farcela”. “Abbiamo vissuto una settimana molto travagliata per gli infortuni. Dispiace per gli assenti ma dobbiamo pensare a fare una partita importante per fare punti. Siamo in continua evoluzione, domani scenderà in campo la squadra migliore possibile. L’Empoli è una squadra consolidata che gioca un certo tipo di calcio da diversi anni. Sarà una gara molto difficile contro una squadra che gioca molto bene”. “La Salernitana rientra in un gruppo di compagini che deve fare un certo tipo di campionato, l’importante è rimanere sempre attaccati ad un gruppo di squadre che lottano per lo stesso obiettivo. In queste prime gare a volte l’episodio ha condannato la squadra sul risultato, ma credo che la Salernitana avrebbe meritato qualche punto in più. Nella seconda parte del campionato le gare sono diverse quindi la strada è ancora lunga e dobbiamo giocarcela fino alla fine”. Il mister ha quindi concluso: “A Salerno il pubblico è il dodicesimo uomo in campo, dobbiamo portarli dalla nostra parte facendo prestazioni importanti e dimostrando di mettere in campo tutte le energie possibili. Bisogna esaltare i valori che questa squadra ha dimostrato di avere”.