CALCIO – IL NAPOLI SALUTA CON UN TRIS

SPEZIA 0
NAPOLI 3
SPEZIA: Provedel (62’ Zovko), Amian, Erlic (80’ Bertola), Nikolaou, Salva Ferrer, Maggiore (72’ Nguiamba), Kiwior, Verde, Agudelo (72’ Salcedo), Antiste, Manaj. All. Thiago Motta.
NAPOLI: Meret (81’ Marfella), Zanoli, Juan Jesus, Koulibaly, Ghoulam, Demme (81’ Anguissa), Lobotka, Politano (67’ Insigne), Zielinski (67’ Mertens), Elmas, Petagna (67’ Osimhen). All. Spalletti.
Arb.: Marchetti di Ostia
Reti: 4’ Politano, 25’ Zielinski, 36’ Demme
Amm.: Politano (N), Ghoulam (N)
Il Napoli chiude in bellezza e. Le intenzioni si capiscono subito con l’eurogol di Politano che dopo neppure 5 minuti parte da centrocampo saltando ogni ostacolo fino al ricamo delicato di sinistro sul palo lungo. Zielinski scarica il suo sinistro in piena area per il 2-0. Poi Petagna e Demme giocano a calcetto nell’area ligure fino al destro di Diego sotto la traversa che sigilla il tris. In poco più di mezzora lo Spezia, che festeggia un’altra prestigiosa salvezza, cala a Picco tenendo fede al nome del suo Stadio. Il capitano di giornata è Faouzi Ghoulam, un riconoscimento all’uomo e al calciatore. Il Napoli centra l’obiettivo, torna in Champions League dopo 2 anni e ricarica le energie per la prossima stagione. Si ricomincia il 9 luglio a Dimaro per una nuova avventura tutta da vivere verso un altro luminoso orizzonte azzurro.
“Complimenti ai miei ragazzi, ho un gruppo che ha sempre lavorato con impegno e professionalità”. Luciano Spalletti commenta così il post gara contro lo Spezia. “Oggi abbiamo onorato l’ultimo match dimostrando quanto i miei calciatori siano sempre stati attaccati alla maglia, soprattutto quelli che hanno giocato meno. Si sono fatti trovare pronti all’appuntamento con tantissima serietà. Adesso ci godiamo questa qualificazione in Champions e cominciamo a lavorare per la prossima stagione. La Società è già all’opera per programmare il futuro e cercheremo di inserirci in tutte le possibili opportunità di mercato. Non potremo subito mettere a posto tutto in pochi giorni, ma l’impegno è quello di avere una rosa sempre competitiva. Una cosa permettetemi di dirla: come staff, con la partenza di Daniele Baldini, peggioreremo certamente. Baldini, oltre a essere un amico è mio collaboratore storico, vero uomo di calcio, un allenatore che potrebbe tranquillamente allenare in serie A. Rispetto la sua decisione di fermarsi ma non posso che essere preoccupato per il vuoto che lascerà all’interno dello staff”.
“Sono contento per il gol, mi mancava da un pò di tempo”. Piotr Zielinski è tornato a segnare nell’ultima gara di campionato contro lo Spezia. “Chiudiamo in bellezza il campionato e questo ci rende soddisfatti, Quest’anno ho disputato una prima parte di stagione su ottimi livelli, ma la seconda è stata sotto tono. Alla fine abbiamo pagato vari punti persi contro le squadre meno titolate, però abbiamo raggiunto il terzo posto e l’obiettivo è stato centrato. L’anno prossimo ho tanta voglia di rifarmi e tutta la squadra cercherà di regalare una grande gioia al nostro pubblico che merita tanto.”
“Siamo arrivati terzi e molti non ci davano neppure tra le prime sei squadre del campionato”. Juan Jesus stila un bilancio della stagione azzurra dopo il successo contro lo Spezia. “Credo che meritiamo un otto come voto quest’anno perchè abbiamo conquistato l’obiettivo Champions e non era facile. Abbiamo lasciato dietro tante squadre di prestigio e club forti. Questo significa che la nostra stagione è stata di alto livello. Sono stato fiero e felice di giocare in questo gruppo bellissimo. Ci sono campioni e uomini di qualità in questa squadra che vogliono dimostrare il loro valore anche la prossima stagione. Dispiace molto per chi andrà via, ma chi resta in azzurro cercherà di disputare un campionato ancor più bello l’anno prossimo”.