BAGNOLI IRPINO – RADUNO NEI DIRIGENTI SCOLASTICI: TRA ALTA FORMAZIONE SPECIALISTICA E MUSICA

BAGNOLI IRPINO – RADUNO NEI DIRIGENTI SCOLASTICI: TRA ALTA FORMAZIONE SPECIALISTICA E MUSICA

7 Luglio 2021 Off Di Mimmo Ascolese

Lago Laceno, per due giorni di lectio magistralis (8, 9 e 10 luglio 2021) promossi dall’A.N.DI.S., la più grande Associazione Professionale dei Dirigenti Scolastici delle scuole di ogni ordine e grado che persegue, fra i propri scopi istituzionali, gli obiettivi di promozione, sviluppo e progresso della scuola statale.La Scuola italiana si interroga, così, sul futuro del sistema istruzione in Italia: l’evento formativo, sarà inoltre l’occasione per promuovere la cultura meridionale ed i suoi talenti, in sinergia con l’associazione AssoMiMe (Mezzogiorno Italia Mediterraneo Europa) attraverso il concerto serale che chiuderà le giornate di formazione. On stage “Luigi Snichelotto Ars Musica Ensemble” con special guest Mario Maglione, in cartellone il 9 luglio alle ore 21.30 presso l’Hotel Cervialto di Bagnoli Irpino. Un repertorio straordinario alla riscoperta della lingua napoletana e della storia di Napoli, con brani tipici della tradizione partenopea, tra cui “Era de maggio” con versi di Salvatore di Giacomo e musiche di Mario Pasquale Costa, “Te voglio bene assaje” canzone composta e cantata già dalle donne nell’Ottocento, “Malafemmina” di Totò e tante altre composizioni originali di Luigi Snichelotto tra cui “Vorrei Tempo”, in un excursus alle origini della grande tradizione classica campana. Dodici quadri fra musica, cenni storici e pièce teatrali. Un concerto-spettacolo “Narrazione Musicante” che vede in scena musicisti di grande fama, tra cui Amleto Livia – Violino, Daniele Brenca – Contrabbasso, Emilio Procaccini – Piano, Francesco Citera – Fisarmonica, Luigi Snichelotto – Voce/Batteria, Pietro Ciuccio – Percussioni, Stefano Giuliano – Sax. “Narrazione musicante, ovvero il tentativo di dimostrare attraverso alcuni brani tratti da romanzi e scritti di famosi viaggiatori, visitatori ed illustri suoi figli, che la nostra terra, costantemente in evoluzione, resta in realtà immutante nello spirito, nel popolo e nel sentimento più profondo di quella che viene chiamata, non a torto, meridionalità – evidenzia Luigi Snichelotto – Sarà un viaggio nella storia di Napoli con una special guest che ci emoziona molto, Mario Maglione, un grande artista ed un caro amico. Lo scopo fondativo di AssoMiMe è contribuire alla conoscenza della cultura meridionale, per elaborare idee e azioni utili allo sviluppo sociale ed economico di tutto il Mezzogiorno. Riuscire a creare, attraverso l’arte e la musica, e non solo, relazioni con le istituzioni che si adoperano per la cultura e il futuro del Paese, per noi è motivo di orgoglio. Il talento, la preparazione e lo studio sono le chiavi di volta per un territorio che vuole proiettarsi alla competizione internazionale”. Una sinergia tra Andis ed AssoMiMe in una performance tesa alla valorizzazione del patrimonio identitario e della cultura italiana: un’unione ideale che farà da scenografia alla fase finale del progetto FORMANDIS. Tre giorni di incontro operativo, in cui dirigenti di lungo corso metteranno a disposizione dei più giovani, prossimi all’immissione in ruolo, le proprie esperienze di lavoro concrete. Apriranno i lavori Gregorio Innaccone, segretario generale Andis e Vincenzo Petrosino responsabile dipartimento Formazione. Seguirà il tavolo di confronto con le dirigenti scolastiche Paola Bortoletto vicepresidente nazionale Andis, ed Angela Paletta. In conclusione il presidente Poalino Marotta illustrerà il Codice Etico dei dirigenti scolastici Andis. Tra gli ospiti della tre giorni anche il professore Francesco Armenante, docente di Scienze dell’Amministrazione Unisa. Laboratori a tema e lavoro di gruppo, seguiti dal gruppo dei dirigenti scolastici Emilio Procaccini e Fabio Pipitò, saranno motivo di confronto e discussione su temi specifici. Attraverso il corso di formazione mirato a 30 neo dirigenti, si intende trasferire il know how e le competenze alle nuove generazioni per una scuola d’eccellenza. Formazione, aggiornamento, ricerca pedagogica e didattica, tuttavia sono “ancora però nel limbo delle buone intenzioni e delle rumorose, quanto fugaci, declaratorie legislative, subordinate alla negoziazione sindacale, immerse in un paludoso territorio dove solo virtualmente si incrociano bisogni professionali, e capacità/volontà del sistema formativo, anche universitario, di sostenere coerenti e non formali azioni di cura professionale, di tutorato culturale, tecnico-didattico esplicitati in contesti laboratoriali e di ricerca, nonostante la Conferenza sulla Scuola del 1990 voluta ed incoraggiata dall’allora ministro Sergio Mattarella”, evidenzia l’Andis.

LA MISSION DI ANDIS In questo contesto si colloca la vision formativa dell’Andis e del suo Dipartimento per la formazione che da oltre dieci anni si è dotata di strumenti, accompagnando, orientando, sostenendo i dirigenti scolastici soci con forme di assistenza e di consulenza, di costante aggiornamento professionale, di attività di riflessione e di ricerca sostenute in proprio, con convegni, seminari, laboratori, gruppi di lavoro e di confronto. In piena pandemia, il dipartimento in modalità webinar ha previsto interventi formativi per i concorsi ordinari e straordinari, a sostegno di docenti aspiranti a intraprendere la carriera dirigenziale. Aperto anche l’apposito spazio virtuale della piattaforma formativa FORMANDIS all’interno del quale sono disponibili materiali di lavoro immediatamente utilizzabili. Dall’8 luglio, sull’altopiano di Laceno – Bagnoli Irpino, si concluderà questa fase preparatoria con l’articolato seminario di approfondimento. “Un’iniziativa questa che sarà, per così dire, da un lato il viatico iniziale per l’imminente immissione in ruolo. Un legame fisico anche con le sedi regionali dell’Andis, rappresentato dal VADEMECUM, aggiornato per la quarta edizione 2021, consegnato ad ogni neo dirigenti scolastici. Non un manuale ma un promemoria “…per essere sicuri che le cose essenziali non vengano tralasciate”, conclude l’associazione.