CALCIO – PRIMAVERA, SALERNITANA: ALTRA SCONFITTA

CALCIO – PRIMAVERA, SALERNITANA: ALTRA SCONFITTA

14 Febbraio 2021 Off Di Mimmo Ascolese

FROSINONE 2

SALERNITANA 1

FROSINONE: Palmisani, Potenziani, Coccia, Santarpia, Maestrelli, Bracaglia, Maugeri, Bruno (36’ st Battisti), Jirillo, Vitalucci (40’ st Orlandi), Di Palma (15’ st Peres). A disp.: Vilardi, Nigro, Pacetti, Schiavella, Mattarelli, Piacentini. All. Marsella

SALERNITANA: Campisi, Guzzo (31’ st Visconti), Gambardella, Russo, Di Micco, Gilberti, Arena (19’ st Perrone), Pezzo, Guida, Vignes (28’ st Dommarco), Iannone (19’ st Palmieri). A disp.: Ciabattini, Bruschi, De Iorio, Idioma, Piervenanzi, Capaccio, Cannavale, Panarese. All. Rizzolo

Arb.: Madonia di Palermo

Ass.: Palla di Catania – Spina di Palermo

Reti: 33’ pt Bruno (F), 35’ pt Iannone (S), 27’ st Vitalucci (F)

Ang.: 4-4

Al “Centro sportivo Ferentino” la Salernitana primavera va ko contro il Frosinone. Al 1’ subito granatini pericolosi con un colpo di testa di Guida che termina di poco a lato. Al 30’ ci provano ancora i granata: conclusione di Iannone respinta, sul prosieguo dell’azione ci prova Russo ma la palla termina fuori. Al 33’ arriva il vantaggio del Frosinone con Bruno che realizza l’1-0. Al 35’ calcio di rigore per la Salernitana: dal dischetto va Iannone che realizza il gol dell’1-1 con cui si chiude la prima frazione di gioco. Al 1’ della ripresa grande occasione per i granatini con Guida che calcia fuori da posizione favorevole. Al 27’ raddoppio del Frosinone con Vitalucci che realizza il gol del definitivo 2-1.

“La squadra oggi ha fatto la partita, purtroppo gli errori ci penalizzano. Siamo andati sotto in modo ingenuo, poi siamo stati bravi a reagire subito e pareggiare. Stiamo subendo per colpe nostre, anche il secondo gol è arrivato su un nostro errore e non per merito degli avversari. Dobbiamo curare i dettagli perché ci sono state alcune letture sbagliate”. Queste le parole del tecnico della Primavera granata Antonio Rizzolo al termine di Frosinone-Salernitana. Il mister ha quindi concluso: “C’è rammarico perchè i ragazzi avrebbero meritato di più. L’unica arma che conosco per uscire da questo periodo negativo è lavorare duramente. Adesso torniamo a giocare in casa e può essere l’occasione giusta per rialzarci”.